ascolta radio mbun

Stampa

25/06/2013 ore 21.00 - Wastepipes e The Straw ospiti a #4amici

Martedì 25 Giugno tornano le interviste della compagnia dell'Urban The Best.

Marco Vertigo, Claudia Flower, Giovanni Pennone, Claudio Genovese formano i #4amici che faranno chiacchierare ma sopratutto suonare gli ospiti di questa settimana: Wastepipes e The Straw.

Durante la diretta passeranno a trovarci anche gli amici della Banda Elastica Pellizza.

L’appuntamento è per le 21.00 in diretta su www.mbun.it/radio o direttamente in Via Rattazzi 4 a Torino.

Porta chi vuoi e ricordati che il “quarto amico” sei tu quindi comincia già da ora a pernsare cosa chiedere ai nostri ospiti.

I contatti per raggiungerci sono:

- Facebook: pagina ufficiale di Radio MBun
- Twitter: @ RadioMBun @urbanthebest  #4amici
- Skype: urbanthebest

 Wastepipes

Il gruppo nasce nel 2003 fra i banchi del liceo Charles Darwin di Rivoli.

Durante questi anni di attività la band ha proposto con entusiasmo e umiltà la loro musica, un rock n’roll old school con molte influenze (blues, indie, stoner, dance), aprendo anche esibizioni di artisti rinomati come Elio, Perturbazione, Meganoidi, Thunder Express (Ex The Hellacopters), Francesco C, Octopus, Adam Bomb e il sempreverde Fabio Treves con la sua blues band! All’attivo tre cd: “Begin to grow” (2004 – autoprodotto), “Let Blood Boil” (2006 – soundtown), e “Make a Move” (2010 – Locomotive Records) Le registrazioni di “Let Blood Boil” (quasi tutte in presa diretta) hanno puntato a valorizzare il groove della band, mentre quelle di “Make a Move” segnano il passaggio a un arrangiamento più curato e maturo e a una grande attenzione verso la qualità, grazie ai più di dieci giorni passati nello studio di casa Madaski.

In questi due ultimi lavori si sono avvalsi della collaborazione di professionisti importanti come Madaski (Africa Unite), Valerio Giambelli (Statuto) e Mauro Tavella (Linea 77, Africa Unite, Persiana Jones). Ma la loro arma migliore è sicuramente l’intensa attività live in Italia e all’estero.

 Nel 2010 il gruppo si è esibito nella prestigiosa cornice di Piazza Vittorio a Torino sul main stage del Reset Festival e nella giornata della festa dei lavoratori (1° maggio 2011) ha partecipato a ben tre concerti in altrettante location (tra cui la maratona rock del 1° maggio all’Hiroshima Mon Amour di Torino).

Il gruppo vanta anche una saltuaria, ma gratificante esperienza internazionale, con vari concerti in Svizzera e Francia, (due apparizioni come headliner alla Fète De La Musique di Montelimar e al festival “Les geules de chien” di La Toussuire). Nell’estate del 2008 è invece la Slovenia ad ospitare i Waste Pipes nella Kranfest, grosso festival musicale che si svolge ogni anno a Kranj, dove si esibiscono sul palco principale. 

The Straw

Nel 2010 prende forma e si concretizza il progetto The Straw che porta il quintetto di ragazzi originari dell’ interland torinese a creare i primi pezzi propri e a calcare i migliori palchi della cittá sotto la mole. In questo periodo si definisce il sound che li caratterizza e matura la personalità della band.

Nel 2011 partecipano e VINCONO il concorso nazionale “Rock Targato Italia”

In quell’occasione rilasciarono un’ intervista per il Tg regionale del Piemonte segnando il coronamento di un percorso musicale tanto sentito quanto vissuto.

Nel 2012 partecipano e conquistano la finale nazionale dell’importante rassegna “Emergenza festival” esibendosi sul palco dell’Alcatraz di Milano.

Nel 2013 pubblicano il loro disco d’esordio “Superdonna” prodotto da  Diego Perrone e Carlo Ortolano per l’etichetta “La voce del gregge” (n.cat. VDG005)

Con la regia di Ivan Cazzola, contemporaneamente all’uscita del disco, girano il videoclip del singolo (title-track dell’album) Superdonna.

Le peculiarità tecniche di ogni membro della band sono tali da generare un vero e proprio sound alternativo, unico nel suo genere, che permea ogni aspetto dei loro lavori. La costante provocazione ironica dei testi di Alessandro Diaferio, unita alla chitarra dallo stile molto britannico di Giovanni Stracuzzi li portano a elaborare un rock in grado di aprirsi a generi musicali “paralleli“, consentendo al basso di Maurizio La Paglia, ai sintetizzatori di Stefano Tarditi e alla batteria di Domenico Candela, di esprimere un mood morbido alternato ad un funk tecnico ed irrequieto.

Seguici anche su Facebook
Clicca "Mi Piace" qui sotto

Sostieni Radio M**Bun, clicca Mi piace.